Home / Tag Archives: Poesia

Tag Archives: Poesia

PoeDanto #5: Uomo è uomo

Donde mai i vecchi arrivaron? Alia stella diede lor causamento? Da misteriosi spechi forse usciron, O li creò fatal esperimento? E di qual oscura fatta pueri son? Negra magia lor sembianze ridusse? Chi sa se da pietrosa fonte vengon, Come araldi che’l dio d’amor produsse? Ma se in terra o in ciel cosa certa esiste, Persin più d’eterno sonno e imposte, È che uomo è uomo da che sussiste. Torto l’Afro avea, e l’Ipponate ragion: Di vita ponente morbus non est E d’infanti puri animi non son.

Continua a leggere »

Io sono John Tolkien

Quando dico di sentirmi assai vicino a quelli che definisco “amici di carta”, cioè a quella schiera di autori, letterati e santi che mi accompagna giorno per giorno con le loro parole, le persone molto spesso mi fraintendono. Quando dico di provare una certa comunione con Tolkien, Lewis, Chesterton e Guareschi, o con Beato Piergiorgio Frassati, San Francesco d’Assisi e Santa Giovanna d’Arco, normalmente la gente pensa senza esitare che io mi voglia elevare al loro livello, che io mi senta pari di un grande autore o di un santo della Chiesa. Questo è un errore comprensibile: l’uomo è creatura …

Continua a leggere »

Ser Poeta

  Intaglio i miei versi con l’accetta Io, montanaro grezzo e provinciale, Io mezzuomo errante, io animale, Io creatura debole e imperfetta; Io duro, ironico e brutale, Vuoto e sentimentale; Io frettoloso pur senza vergogna, Io ferito e frale, Io profondo fino ad essere banale, Io ch’arriccio i miei peli da vigogna, Io povero cadetto di Guascogna, Io allegro, stupido e frugale; Io bardo, io poeta alla bisogna.

Continua a leggere »

Gli schiavi moderni

Servi utili siamo Noi che qui seminiamo Nel pianto tenendo il capo chino. Che importa chi raccoglie? Nessuno dirà che non lavorammo, Che non morimmo per la causa santa. Siamo le forti doglie, Del mondo partoriente la fatica; Di questo tempo gli schiavi antichi Redivivi e pronti al nuovo sforzo; Noi siamo gli ingranaggi della terra, Siamo lavoro senza interruzione, In corpo morto vita, Terreno inferno senza paradiso, Sacrificio novel senza compenso. Siamo la gloria del primo peccato, Di sé rigonfio fino alla fine, Siamo nel fango denso Che ci soffoca e avvolge il tronco Gioiosi di perire senza gioia. …

Continua a leggere »

PoeDanto #3: Biella

Biella, di picciol fatta secondo’l nome Ma vasta e ampia e alta agli occhi, Antichi monti solcan l’orizzonte E fiumi e rivi corron senza posa. Di dura cervice la gente tua, Tanto che più del feroce orso O del lesto e veloce camoscio, Mulo simbol tuo esser dovrebbe. Biella, troppi son quelli che ’nfamia Di te ovunque van dicendo tronfi, Ingrata prole di dolorosa madre. Terra mia, pochi son quelli che lodo Scelgon delle tue bellezze dire, Ed io un di questi fiero sono.

Continua a leggere »