Home / Tag Archives: Dio

Tag Archives: Dio

Cosa dobbiamo ai Santi?

Ai santi dobbiamo molto, sono esempi di vita concretamente vissuta a fianco di Dio e ci offrono spunti interessanti per il nostro cammino. Con loro sperimentiamo come sia possibile, innestati in Cristo, trovare il pieno compimento della nostra vocazione.

Continua a leggere »

Il fine di Dio

Continua a leggere »

PoeDanto #4: Chi?

Chi decretò Ch’io fossi io E non qualcun altro? Chi pose Questa coscienza In tal corpo? Chi guidò L’alma mia In queste membra Chi decise Che fossero questi Gli occhi ch’io apersi? Chi ambientò Questa tragedia Dove son io? Chi, dunque, mi trarrà Dal mondo Dei viventi? Chi calerà Il sipario Sul mio sguardo? Chi fermerà Il battito Del cuore mio?

Continua a leggere »

Questo Allah non è Dio

Questo Allah non è Dio. Questo Allah è Volontà caotica, non è Intelligenza. Allah somiglia in tutto e per tutto ad una personificazione della nichilistica volontà di potenza: è la versione araba del nichilismo occidentale, con l’aggiunta del coraggio. Ed è per l’attrattiva del coraggio che alcuni giovani abbandonano il nulla occidentale per darsi a questo nulla divinizzato. Noi, che cosa offriamo? Dio è Logos, Dio è la vita intima della razionalità di tutte le cose, è la ragione ultima che ha creato la bontà di tutte le cose.  Questo dio da cammellieri del deserto non solo non è il …

Continua a leggere »

Ragionare con l’essere umano è una cosa impossibile

Una delle cose più oscene della razza umana è la continua e inavvertita violazione del principio di non contraddizione, non con l’elegante consapevolezza del paradosso, ma con la stupida protervia dell’ignoranza dissimulata. Ragionare con l’essere umano è una cosa impossibile, perlopiù inutile e alla lunga fastidiosa; solo Dio può avere con la bestia umana una pazienza del genere. Riconoscerglielo è pregare. Buonanotte!

Continua a leggere »

I piedi non esistono

C’è chi venderebbe la propria madre per ottenere qualcosa, così come c’è chi negherebbe la verità più lapalissiana per sostenere la propria idea; non è detto che quell’idea sia sbagliata, ma è ovvio che esistono modi giusti e modi sbagliati di sostenerla e questo è senza ombra di dubbio un modo sbagliato, oltre che maldestro. Mi riferisco in particolare a tutta la serie di obiezioni che vengono rivolte alla storicità di Gesù, il che è tanto antiscientifico quanto popolare tra la gente, anche e soprattutto intellettuale; perché la scienza, qualunque cosa voglia dire, viene usata a piacimento, soltanto quando fa …

Continua a leggere »

Infinita vastità del debito dell’esistenza, infinita vastità della propria riconoscenza

«Nessun uomo ha veramente misurato la vastità del debito verso quel qualsiasi essere che l’ha creato e l’ha reso capace di chiamarsi qualcosa […]. Il più alto e sacro dei paradossi consiste in questo: l’uomo che è realmente cosciente di non poter pagare il suo debito, lo pagherà eternamente. Restituirà in continuazione ciò che non può restituire e che non si può sperare che restituisca. Farà di tutto per colmare l’abisso senza fondo della sua riconoscenza». G.K. Chesterton Il dono dell’aver ricevuto la propria esistenza, il dono dell’essere creato è impagabile. Il dono dell’esistenza dell’altra persona, il fatto che l’altra …

Continua a leggere »

Domine, non sum dignus ut intres sub tectum meum: sed tantum dic verbo, et sanabitur anima mea

Viene affermato nella Evangelii gaudium che l’Eucaristia «non è un premio per i perfetti, ma un generoso rimedio e un alimento per i deboli» (47: 1039). È vero, l’Eucaristia, il Santissimo Sacramento, il Pane del Cielo non è per coloro che si credono perfetti, non è elargito a coloro che si credono arrivati, è dono eminentissimo, dono sommo, Gesù Cristo, per coloro che vogliono entrare nella Vita. Sbaglieremmo nel credere però che ciò possa significare che questo dono sia concesso incondizionatamente, una sorta di paradossale dono a tutti i costi. No. Esso, proprio in quanto dono, necessita di essere accettato, …

Continua a leggere »

I doni di Dio: persone, parole di carne e sangue

Dio si è fatto bambino, Dio si è fatto carne! La teologia chiama questo evento “seconda creazione dell’uomo” perché in essa l’uomo può essere assunto in Dio per l’adozione a figlio in Cristo. Nella prima creazione l’uomo, inizialmente solo, comincia a nominare il creato, ma non trova nulla che lo compia, che sia a lui pari. Si ritrova solo, prova solitudine, nostalgia. Il suo compimento non si realizza nella gnosi, nella conoscenza intellettuale. Il suo compimento, la strada della sua realizzazione è nella carne. Dio crea e pone accanto all’uomo la donna. Ella è la sua compagna, la sua amante, …

Continua a leggere »

Vocazione è quello che uno è

I Gv 15, 4-11  4Dimorate in me, e io dimorerò in voi. Come il tralcio non può da sé dare frutto se non rimane nella vite, così neppure voi, se non dimorate in me.  5 Io sono la vite, voi siete i tralci. Colui che dimora in me e colui nel quale io dimoro, porta molto frutto; perché senza di me non potete fare nulla. 6Se uno non dimora in me, è gettato via come il tralcio, e si secca; questi tralci si raccolgono, si gettano nel fuoco e si bruciano. 7Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quello che …

Continua a leggere »