Home / Tag Archives: biella

Tag Archives: biella

Io non consumo

Il cliente non ha sempre ragione. Ma considerarlo il disumano ingranaggio di una catena di montaggio è l’opposto a cui nessun esercente dovrebbe puntare. Siccome non mi piace fare cattiva pubblicità, almeno non pubblicamente, non farò il nome del bar da dove sono stato praticamente cacciato, nemmeno tanto garbatamente, perché stavo occupando un tavolo da un paio d’ore (pagando consumazione e coperto, ca va sans dire) perché “se arriva altra gente ho bisogno del tavolo”. Farò invece il nome di un esempio virtuoso, di un luogo che ho già avuto modo di lodare e che voglio tornare a consigliare a …

Continua a leggere »

PoeDanto #3: Biella

Biella, di picciol fatta secondo’l nome Ma vasta e ampia e alta agli occhi, Antichi monti solcan l’orizzonte E fiumi e rivi corron senza posa. Di dura cervice la gente tua, Tanto che più del feroce orso O del lesto e veloce camoscio, Mulo simbol tuo esser dovrebbe. Biella, troppi son quelli che ’nfamia Di te ovunque van dicendo tronfi, Ingrata prole di dolorosa madre. Terra mia, pochi son quelli che lodo Scelgon delle tue bellezze dire, Ed io un di questi fiero sono.

Continua a leggere »

Un “alchimista” mi ha salvato dalla noia

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Esistono luoghi di comunione fisica e spirituale veramente insospettabili. Al sentir parlare di comunione e spirito, infatti, vengono in mente cose come chiese e templi, o al limite silenziose biblioteche e solenni musei. Pare cioè che per entrare in contatto con gli altri esseri umani debba regnare un austero […]

Continua a leggere »

Oropa, un gioiello tra i monti

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Incastonato in un anfiteatro naturale, a circa milleduecento metri di altezza, sta un gioiello prezioso, una gemma rara di cui ogni biellese può andare fiero. Si tratta del Santuario di Oropa, da secoli meta di pellegrinaggi e simbolo della città di Biella. Spesse volte infatti mi è capitato di […]

Continua a leggere »

Biella è sospesa sul nulla

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Ultimamente Biella è stata la protagonista di un altro primato: dopo essere stata dichiarata provincia più noiosa d’Italia, nuove statistiche hanno stabilito che in essa il tenore di vita è il migliore in assoluto. Insomma, non succede un tubo, ma cavolo se si sta bene! Un mio caro amico, […]

Continua a leggere »

Candida neve

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Credo sia ormai nota la mia passione per quelle condizioni atmosferiche che la gente solitamente odia. Confermo dunque questa tendenza lanciandomi in una lode forse eccessiva per quel miracolo che è la neve, la quale imbianca le nostre montagne e, ahimè, blocca le nostre strade ogni volta che scende […]

Continua a leggere »

La pioggia

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia È piuttosto frequente, quando a Biella piove, scherzare dicendo: “Strano, non succede mai a Biella!”. Il biellese non è infatti famoso per il sole e il caldo (e come potrebbe esserlo un luogo che attorno non ha altro che montagne?), tanto meno se si considerano le stagioni più fredde, […]

Continua a leggere »

Frassati e la Burcina

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia Tra le tante bellezze che Biella ha da offrire, una delle più preziose e incantevoli è certamente la Burcina, una riserva naturale che si estende su circa cinquantasette ettari di meraviglie floreali. Questo parco rappresenta una perla senza paragoni, dal momento che fin dalla sua nascita ha avuto e […]

Continua a leggere »

Piedicavallo e i suoi chiodini

“Ordinarie follie” (biellesi) di Edoardo Dantonia I funghi non sono certo un’esclusiva del biellese, né del Piemonte, né di tutta quanta l’Italia, per dirla tutta. C’è da dire però che noi abitanti ai piedi delle Alpi possediamo una certa vocazione per la ricerca e la raccolta di queste muffe prodigiose. Debbo però anche ammettere la […]

Continua a leggere »

Aztechi e strade strette

“Ordinarie follie” di Edoardo Dantonia Ho già accennato al fatto che nella mia auto avvengono cose piuttosto strane. In essa io canto, prego, parlo al telefono (ahi!), fumo. Al liceo ripassavo persino, mentre sfrecciavo nel traffico per non arrivare in ritardo. Ricordo il libro di letteratura italiana aperto sul sedile del passeggero, con alcune sottolineature […]

Continua a leggere »