Home / Poesia / Er Novo Inferno

Er Novo Inferno

 

Si Dante rinascesse ar giorno d’oggi
ariempirebbe l’inferno de novi personaggi
i politici vabbè, se sà li so de casa
essenno tali nun c’hanno manco ‘na scusa.

Ma ce ne so’ tanti tra quelli osannati
da esse annoverati tra li dannati
Conduttori che pè l’ascolti se so vennuti
ar mijor offerente, che mejo l’ha pagati.

Giornalisti parolieri asserviti
schiavi de lo Stato e strapagati
sempre pronti der padrone ha pjà le parti
senza mai criticità scerte che poi so’ scarti.

Cantanti che pè provà emozione
fanno aringhe a la televisione
senza manco conosce fatti e dati
ma l’ego loro li vó vedè venerati.

Sindaci e Prefetti in fila indiana
che dopo er presepe vonno levà la befana
che vonno sostituí i Magi con le donne
perché la parità pè loro è sotto le gonne.

Attivisti che grideno a li diritti
che so’ frutto de l’orgojo, ma nun so’ de tutti
che so’ contro la violenza su la donna
ma su l’utero in affitto fanno da colonna.

Quelli che rispettano ogni religione
basta che nun sia cristiana pè precisione
Attori e attrici controcorente
che umiliano Cristo impunemente.

Er girone peggiore er più pesante
è de chi vó diffonne er pensiero unico imperante
de chi sceje in piena coscienza
vó toje a li ragazzini l’innocenza.

E poi, alla fine, me ce metto io
che vojo stà ar posto de Dio
ma spero ne la Sua misericordia
che me dia pace e cor monno concordia

NeoPasquino

About Mauro Rutunno

Leggi anche

Vorei esse…

Vorei esse capanna e riparatte, tra roccia e legna Vorei esse strada ‘n cammino che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*