Home / Poesia / Cesare e AntiCesare

Cesare e AntiCesare

 

2000 anni fà ar tempo in cui è nato Cristo

a Roma imperava ‘n certo Cesare Agusto

lui che era potente e condannava er monno

se credeva dio, ma puro lui è ito affonno.

 

Oggi più de ieri li Cesari so’ tanti

vonno troni, palazzi e comannà tutti quanti,

se senteno signori e guardano co’ disprezzo

chi povero e misero nun po’ pagà er prezzo,

 

Nun po’ pagà misura e moneta alcuna

perché c’avuto meno fortuna

da ‘na vita che te succhia la linfa vitale

in cui sei solo ‘n nummero, ‘n codice fiscale.

 

Avemo conquistato er monno noi da occidente

sicuri che nun ce potesse fermà gniente,

er risultato è, che se semo fregati co’ le mano

ner monno fanno fji e noi diminuimo

 

Co’ la smania nostra de gestí puro la vita

stamo a mette er punto a ‘na storia nata sbajata.

stamo a firmà ‘n assegno in bianco

a chi domani ce presenterà er conto

 

Dio s’è fatto omo, è nato rigazzino

piccolo indifeso dar palazzo era lontano,

ha scerto l’umiltà dentro ‘na mangiatoja

ha scerto er posto più basso quasi esse fanghija

 

Nato povero dentro ‘na povera famija.

de stirpe regale da li ha mostrato la via

a noi che coremo dietro a tante luci accese

che se spegneranno e resteranno le spese

 

A la nostra volontà de esse Cesari de la storia

ha preferito diventà Lui come l’antintistoria

quella rifiutata perché scomoda non capita

da noi che nun conoscemo er senso de la vita.

 

NeoPasquino

About Mauro Rutunno

Leggi anche

Vorei esse…

Vorei esse capanna e riparatte, tra roccia e legna Vorei esse strada ‘n cammino che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*