Home / The Sparklings / Ieri / Lo specchietto revisionista

Lo specchietto revisionista

I piedi non esistono

C’è chi venderebbe la propria madre per ottenere qualcosa, così come c’è chi negherebbe la verità più lapalissiana per sostenere la propria idea; non è detto che quell’idea sia sbagliata, ma è ovvio che esistono modi giusti e modi sbagliati di sostenerla e questo è senza ombra di dubbio un modo sbagliato, oltre che maldestro. Mi riferisco in particolare a tutta la serie di obiezioni che vengono rivolte alla storicità di Gesù, il che è tanto antiscientifico quanto popolare tra la gente, anche e soprattutto intellettuale; perché la scienza, qualunque cosa voglia dire, viene usata a piacimento, soltanto quando fa …

Continua a leggere »

Martirio o suicidio?

Io vedo il suicidio come un atto di grande coraggio, sempre. Il suicidio non è mai una resa. Se il suicidio è qualcosa, esso è un moto, mai una immobilità. Immobilità è sedersi e attendere passivamente che il tempo passi e le disgrazie pure. Ma c’è un però. Il martire avrà sempre una marcia in più rispetto al suicida, per quanto ammirevole sia il gesto del nostro Celio. Il martire infatti accetta di subire qualcosa di tremendo, di doloroso, di straziante e, peggio ancora, di umiliante. Accetta, non subisce, né decide di farla finita per conto suo, via difficile ma …

Continua a leggere »

L’ecumenismo di San Francesco

Un dogma che va piuttosto di moda oggigiorno è che per rispettare e stimare qualcuno sia necessario essergli amico, o peggio andarci d’accordo. Il nemico, l’avversario è visto come una specie di strana entità, distante anni luce nel pensiero e nel corpo; di conseguenza è impossibile, secondo le ultime tendenze mondane, lodare uno che non faccia parte della nostra cerchia di compagni. Siamo tutti stretti nei nostri recinti, ciechi di fronte a chiunque altro che non corrisponda a certi rigidi standard (nonostante siamo soliti millantare aperture di testa che solo un’ascia bipenne potrebbe eguagliare). Da questa errata convinzione deriva uno dei più …

Continua a leggere »

“Enrico VIII, scismatico per amore”

Ennesima prova della disonestà della gran parte delle riviste storiche che si trovano in edicola è il titoletto di un paragrafo all’interno di una di esse (che non nominerò per non regalarle la pur minima pubblicità) dedicato allo scisma anglicano: “Enrico VIII, scismatico per amore”, seguito da un breve e indegno resoconto della vicenda. Ovviamente, pare che il re abbia sposato la Bolena perché Caterina d’Aragona non gli dava eredi maschi, ma ci viene fatto capire che in realtà aveva perso la testa per lei (che romanticone!). Altrettanto ovviamente, però, non viene detto che la povera Anna perse anch’ella la …

Continua a leggere »