Home / The Sparklings / Humanities / Lit, Lang & Lyf

Lit, Lang & Lyf

Stupro e favole

Sono stufo di venire accusato di essere un potenziale stupratore solo perché sono un uomo. Sono stufo di sentir dire che bisognerebbe educare gli uomini a non stuprare piuttosto che le donne a difendersi dallo stupro. Sono un uomo e non ho mai stuprato nessuno, né maschio né femmina, e al momento non ho intenzione di farlo in un prossimo futuro, il tutto senza aver avuto un’educazione particolare a riguardo. Che un certo modo di pensare e trattare la donna fosse sbagliato l’ho scoperto alle medie, semplicemente osservando le reazioni delle mie compagne agli sguardi e a qualche smanacciata che …

Continua a leggere »

L’eresia di oggi

Eresia nella sua accezione etimologica significa scuola di pensiero; se dovessimo dedurre la natura del suo referente da essa, la cosa risulterebbe decisamente ingiusta per le eresie del passato. Gli eresiarchi di un tempo ritenevano di essere gli unici depositari della verità o della sua corretta interpretazione. La loro violenza era costruttiva, perché quello che pretendevano era che tutti aderissero al mondo nuovo che volevano creare. Le eresie moderne, però, si basano proprio sul fatto di non essere assolute. Si presentano come delle semplici diverse opinioni su un qualche argomento, e non cercano in alcun modo di dimostrarsi le uniche …

Continua a leggere »

Politica, torna nei bar!

Ultimamente la democrazia sta affrontando un momento di crisi ideologica molto grave. La sua stessa retorica che la presentava come il modo più giusto, bello e morale di governare la sta lentamente divorando; qualcuno si è accorto che non basta che trenta milioni di persone siano d’accordo su qualcosa per renderla automaticamente giusta, intelligente e corretta. È banale dire che la maggioranza non detiene nessuna superiorità morale né conoscitiva, così banale che i più raffinati ideologi della democrazia non ci avevano pensato. Così, ora che si sono create numerose minoranze forti che portano avanti delle battaglie che potrebbero danneggiare la …

Continua a leggere »

Il poeta al balcone

Sono molto dispiaciuto di dover criticare a zero il moderno ecumenismo, ma nella Città di Dio non sono i teologi a dialogare con l’esterno; se lo fanno non vanno oltre al desiderio infinito che è sì il fondamento della religione di ciascuno, ma di certo non lo è della teologia e della dottrina, che si fondano su delle realtà oggettive ed esterne. L’uomo che è addetto a questo compito è il poeta. Per lui solo le mura della città non sono dei confini non oltrepassabili senza il rischio di perdersi, perché lui solo cerca in ogni cosa la conferma di …

Continua a leggere »

Ser Poeta

  Intaglio i miei versi con l’accetta Io, montanaro grezzo e provinciale, Io mezzuomo errante, io animale, Io creatura debole e imperfetta; Io duro, ironico e brutale, Vuoto e sentimentale; Io frettoloso pur senza vergogna, Io ferito e frale, Io profondo fino ad essere banale, Io ch’arriccio i miei peli da vigogna, Io povero cadetto di guascogna, Io allegro, stupido e frugale; Io bardo, io poeta alla bisogna.

Continua a leggere »

Gli schiavi moderni

Servi utili siamo Noi che qui seminiamo Nel pianto tenendo il capo chino. Che importa chi raccoglie? Nessuno dirà che non lavorammo, Che non morimmo per la causa santa. Siamo le forti doglie, Del mondo partoriente la fatica; Di questo tempo gli schiavi antichi Redivivi e pronti al nuovo sforzo; Noi siamo gli ingranaggi della terra, Siamo lavoro senza interruzione, In corpo morto vita, Terreno inferno senza paradiso, Sacrificio novel senza compenso. Siamo la gloria del primo peccato, Di sé rigonfio fino alla fine, Siamo nel fango denso Che ci soffoca e avvolge il tronco Gioiosi di perire senza gioia. …

Continua a leggere »

Populismi e accuse infondate

È sempre più frequente sentire accuse di populismo rivolte per lo più dai liberali ai loro avversari, di qualsiasi tipo essi siano. Tuttavia mi è sempre stato difficile capire cosa si intendesse con questa parola. Quando ho chiesto spiegazioni, la risposta che mi è stata proposta era più che altro una descrizione specifica di una certa realtà di quelle che venivano chiamate con questo nome. Quando allora ho chiesto che cosa avessero in comune, mi è stato risposto che facevano leva sui sentimenti bruti delle masse per fare voti. Mi chiedo che mai abbiano fatto tutti i partiti di tutte …

Continua a leggere »