Home / The Sparklings / Humanities / Il violinista di Dooney

Il violinista di Dooney

In terra summus rex

Alle volte riprendo qualcuno dei vecchi Carmina Burana e mi viene da sorridere; i problemi che irridevano sono gli stessi dei nostri tempi e forse sono gli stessi di sempre. In terra il sommo re è in questo tempo il denaro… Il tutto messo in una litania come a dire che è questa la religione che ci muove in realtà. In terra summus rex est hoc tempore Nummus.‎ Nummum mirantur reges et ei famulantur.‎ Nummo venalis favet ordo pontificalis.‎ Nummus in abbatum cameris retinet dominatum.‎ Nummum nigrorum veneratur turba priorum.‎ Nummus magnorum fit iudex conciliorum.‎ Nummus bella gerit, nec si …

Continua a leggere »

The land of the leal

La commovente semplicità di questa canzone scozzese chiama il Paradiso la Terra del Leale; il luogo dove potremo reincontrare in nostri cari, nonostante la morte ci abbia portato via. Dato che viviamo in un’epoca che parla fin troppo dell’inferno e troppo poco, cioè mai, del Paradiso, è bene che una vecchia canzone ci ricordi ogni tanto che la morte è solo una separazione temporanea, che il nostro dolore terreno finirà, che il nostro desiderio sarà infine compiuto. I’m wearin’ awa’, Jean Like snaw-wreaths in thaw, Jean I’m wearin’ awa’ To the land o’ the Leal There ‘s nae sorrow there, …

Continua a leggere »

Il violinista di Dooney

A questo blog, per essere un blog sufficientemente penoso, mancava una rubrica musicale, quindi mi sono trovato a dover sopperire. Essenzialmente questa si strutturerà con video della  canzone, testo ed eventuale commento, come sarà per questo, il tutto scelto con particolare attenzione alla musica popolare. E via, si comincia: Come le onde del mare, come le onde del mare balla la gente quando suono il mio violino. Mio cugino è prete a Kilvarnet, mio fratello è prete a Mocharabuiee. Ma io ho fatto più di mio fratello e mio cugino: leggono nei libri di preghiere, io leggo nei miei libri …

Continua a leggere »