Home / The Sparklings

The Sparklings

Il Diluvio, Henryk Sienkiewicz

Alle volte dei grandi libri vengono dimenticati. Sia chiaro, alcuni dei libri che vengono definiti grandi se lo meritano, per complessità ed elitarismo esplicito. Eppure alcuni di questi libri vengono dimenticati nonostante fossero piacevoli oltre che potenti e profondi. È il caso dello scrittore polacco Henryk Sienkiewicz la cui unica opera conosciuta è Quo Vadis, di certo splendida, ma che deve la sua solitaria fortuna principalmente alle trasposizioni cinematografiche. La parte più poderosa della sua opera, quella che fra tutte ha contribuito maggiormente a consegnargli il premio Nobel, è per lo più dimenticata. In italiano della Trilogia (Ogniem i Mieczem, …

Continua a leggere »

Novelle Pendolari

Creature gigantesche e mostruose, viaggi interminabili, calde steppe, umide lande, freddi turbinii di aria gelata. Se conoscete tutto ciò non siete avventurieri, o forse sì, ma sicuro siete pendolari. La vita abitudinaria di un pendolare può essere noiosa e poco stimolante, con le sue piccole fatiche quotidiane. Però con un pizzico di fantasia e un po’ di senso dell’umorismo si può trasformare anche la banalità in qualcosa di interessante. Forse, in fondo, quello che conta non è tanto ciò che accade, quanto i personaggi che di volta in volta diventano protagonisti di una storia da raccontare. Attori drammaticamente inconsapevoli nel …

Continua a leggere »

Martirismi e fallimento

Fra gli ebrei ashkenaziti, gli abitanti di Chelm in Polonia sono famosi per la loro stupidità. Uno di questi, un bel giorno aprì la Bibbia e ci trovò il passo dei Salmo: “L’Eterno protegge i semplici”. Al che decise di fare una prova. Disse a Dio: “Tu ci hai detto che hai a cuore i semplici e noi del villaggio di Chelm siamo additati come i più stupidi di tutti. Ora io mi butterò da questo palazzo e, se ciò che dicono è vero, mi proteggerai, mentre se è falso io lo avrò dimostrato”. Si buttò e si ruppe braccia …

Continua a leggere »

La modernità ha ucciso l’amore

La modernità ha ucciso l’amore. L’ha preso, l’ha spogliato delle sue vesti, lo ha coperto di polvere e poi lo ha squartato, lo ha strappato dal nostro petto in modo indolore. È bastato pochissimo; è bastato insinuare qualche piccola affascinante parola nella mente degli uomini: realizzazione, sicurezza, compimento. E ai nostri occhi quelle parole sono piaciute; li hanno accesi di uno strano fuoco; di una promessa nuova per uomini vecchi. La donna per l’uomo e l’uomo per la donna sono ormai solo una possibilità fra le altre in quello che la modernità ha posto come obiettivo della vita. Ma quel …

Continua a leggere »

L’ignoranza dei presupposti

«Ho insegnato varie branche della biologia del comportamento e dell’antropologia culturale a studenti americani di diverse scuole e ospedali, dalle matricole universitarie agli psichiatri interni, e mi sono imbattuto in una stranissima lacuna nel loro modo di pensare, che deriva dalle carenza di certi “strumenti” concettuali. Questa carenza è distribuita in modo abbastanza uniforme a tutti i livelli di istruzione, tra gli studenti di entrambi i sessi, tra chi si occupa di letteratura o arte e chi si occupa di scienza. Si tratta, in modo specifico, dell’ignoranza dei presupposti non solo della scienza, ma anche della vita di ogni giorno. …

Continua a leggere »

Meno liberi di un servo

Siamo soliti pensare alla servitù medievale come servitù della gleba, come a una forma di schiavitù peggiore di quella antica, una condizione in cui un essere umano valeva meno di una zolla di terra. Servi della gleba, usato in maniera dispregiativa, è uno di quei concetti che ci vengono impiantati in testa, vuoi per semplicità, vuoi per pura malafede, fin dalle prime classi delle elementari. Ora, il grosso problema di questa espressione non è la sua veridicità o meno: in qualche modo è vero che esistevano accanto ai servi veri e propri, cioè quelli che verranno poi detti sclavi/slavi, i …

Continua a leggere »

Essere speciali

Tutti sono speciali. Ognuno è bello. Ciascuno è perfetto. Frasi da cui ci sentiamo bombardare continuamente ogni giorno e che di conseguenza ormai sono entrate nel nostro sentire. Ma è davvero così? Davvero contemplando sé stesso uno, un uomo qualsiasi, può dirsi qualcosa del genere? Davvero al mattino, davanti allo specchio, ancora sfatti dal sonno, possiamo ripeterci una parola come perfetto? Non vedrà piuttosto le occhiaie pesanti, le piccole imperfezioni che il tempo e la sua storia hanno lasciato, quelle che si porta dietro dalla nascita, le cicatrici, le rughe, i nei che gli costellano il viso, tutti nei punti …

Continua a leggere »

Privacy e proprietà

Può darsi che la norma che costringe a pagare una cifra irrisoria per delle bustine di plastica fino ad ora regalate abbia un senso; e può altrettanto darsi che abbia un senso la protesta di quelli che, non avendo speso nulla a riguardo fino all’altro ieri, ora si sentono defraudati. Dal punto di vista politico e ideale entrambe le cose hanno un fondamento solido, l’una nelle necessità ambientali, l’altra nella consuetudine e nella percezione dell’inutilità di un ulteriore norma che vada a pescare nelle tasche della gente. Di certo, però, qualcuno che ha torto c’è e si tratta di quelli …

Continua a leggere »

Besson imbroglion

Il regista Luc Besson, realizzando il film su Santa Giovanna d’Arco, deve aver pensato che le apparizioni di Santa Margherita, Santa Caterina e l’arcangelo Michele fossero motivi o troppo deboli o semplicemente inverosimili per spingere una giovane e anonima fanciulla francese a muovere guerra contro inglesi e borgognoni per restituire il trono al Delfino. Così, credo, ha pensato bene di dargliene uno ben più valido, cioè lo sterminio della famiglia da parte di un contingente inglese, con tanto di stupro ai danni della povera sorella (un buon stupro è sempre un ottimo pretesto per far impazzire il protagonista di turno). …

Continua a leggere »

Antistoricità della Storia

Se si vuole studiar la storia, non bisogna studiare storia. Questo è un dogma che andrebbe insegnato fin dalle prime classi delle elementari, quasi come un mantra da mandare a memoria. Ben vengano i manuali, le antologie, i compendi e tutti quei materiali didattici che possono in qualche modo introdurre allo studio del passato; ma insieme alla loro fruizione, andrebbe impartita anche la consapevolezza che il loro scopo è puramente propedeutico. Insieme alle odiose schematizzazioni periodiche, politiche e via dicendo, si dovrebbe specificare che sono, per l’appunto, delle schematizzazioni e nulla più. Il Medioevo è una periodizzazione del tutto arbitraria; …

Continua a leggere »