Home / Poesia / Mama non Lama

Mama non Lama

Ser Poeta

  Intaglio i miei versi con l’accetta Io, montanaro grezzo e provinciale, Io mezzuomo errante, io animale, Io creatura debole e imperfetta; Io duro, ironico e brutale, Vuoto e sentimentale; Io frettoloso pur senza vergogna, Io ferito e frale, Io profondo fino ad essere banale, Io ch’arriccio i miei peli da vigogna, Io povero cadetto di Guascogna, Io allegro, stupido e frugale; Io bardo, io poeta alla bisogna.

Continua a leggere »

Gli schiavi moderni

Servi utili siamo Noi che qui seminiamo Nel pianto tenendo il capo chino. Che importa chi raccoglie? Nessuno dirà che non lavorammo, Che non morimmo per la causa santa. Siamo le forti doglie, Del mondo partoriente la fatica; Di questo tempo gli schiavi antichi Redivivi e pronti al nuovo sforzo; Noi siamo gli ingranaggi della terra, Siamo lavoro senza interruzione, In corpo morto vita, Terreno inferno senza paradiso, Sacrificio novel senza compenso. Siamo la gloria del primo peccato, Di sé rigonfio fino alla fine, Siamo nel fango denso Che ci soffoca e avvolge il tronco Gioiosi di perire senza gioia. …

Continua a leggere »