Home / Samuele Baracani

Samuele Baracani

mm
Samuele Baracani: nato nel 1991, biellese, ma non abbastanza, pendolare cronico, cresciuto nelle peggiori scuole che mi hanno avviato alla letteratura e, di lì, allo scrivere, che è uno dei miei modi preferiti per perdere tempo e farlo perdere a chi mi legge. Mi diletto nella prosa e nella poesia sull'esempio degli autori che più amo, da Tasso a David Foster Wallace. Su ispirazione chauceriana ho raccolto un paio di raccontini di bassa lega in un libro che ho intitolato Novelle pendolari.

Smitizzare il mito e altre follie

La notizia non ha più di qualche settimana: il cavallo di Troia sarebbe una nave. Un banale malinteso l’avrebbe portata a essere fraintesa per un equino e ciò avrebbe poi generato tutti gli infiniti fraintendimenti seguenti che hanno portato, alla fine, al mito come lo vediamo noi. Alla faccenda, come a tutte le ricerche scandalistiche e dissacratorie, è stata data una notevole rilevanza mediatica, che è probabilmente la cosa che meno meritava. Non tanto perché potremmo facilmente trovare dozzine di ragioni per cui l’ipotesi traballa notevolmente, quanto piuttosto perché si tratta di una ricerca totalmente irrilevante e, oserei dire, immotivata. …

Continua a leggere »

Yanez de Gomera

Il nome di Emilio Salgari ne evoca certamente un altro che non gli si può staccare: Sandokan. Però chi ha davvero letto il nostro autore sa bene che la figura del pirata bornese ha un ruolo notevole solo nel primo dei romanzi del ciclo malese e in Sandokan alla riscossa; in tutti gli altri appare come una figura ombrosa e in ombra, una grande figura tragica dotata ancora di una forza straordinaria e di una volontà d’acciaio, ma non più così centrale.  Fin da I pirati della Malesia la scena viene occupata dal suo caro amico, Yanez de Gomera. Questo …

Continua a leggere »

Mina sul davanzale – Recensione

Mina sul davanzale è uno dei migliori libri per ragazzi che io abbia mai letto. Lo stile, privo di fronzoli e diretto, resta piacevole e in grado di comunicare quello che vuole, la storia è appassionante, i personaggi ben descritti e interessanti, e questo già basterebbe per renderlo degno di diverse riletture. Tuttavia il romanzo ha qualcosa di più. In primo luogo evita di diventare troppo catechetico; quello che deve dire non insegna tramite un discorso diretto, non lo impone come una verità statuita con cui confrontarsi, ma lo fa vivere. Piano piano il lettore, trovandosi a fare in modo …

Continua a leggere »

L’Eco della Solidità – Intervista a Giulia Bovassi

Abbiamo già fatto una rapida recensione del libro, più che altro per suggerirne la lettura, ed ora, finalmente, ci troviamo a poter intervistare l’autrice, Giulia Bovassi, classe 1991, vulcanica studentessa di Bioetica, già laureata in Filosofia. Prima domanda, di rito: come è nato questo libro? Allora: l’idea del testo è nata dall’incrocio dei due percorsi formativi che stavo portando avanti (percorsi che tanto scissi, ovviamente, non sono) ovvero Bioetica e Filosofia. Nello specifico la prima per quel che riguarda una morbosa curiosità e attrazione filosofica per le correnti che ho considerato nel testo stesso -Postumano e Transumano-, attrazione nata guardando …

Continua a leggere »

Etica dell’apologetica cibernetica

Da quando esiste il web si è moltiplicata infinitamente la schiera di difensori della Chiesa Cattolica, il che può sembrare una buona cosa e tuttavia presenta dei problemi. Innanzi tutto molti di questi autoproclamati apologeti sono alquanto maldestri. Che siano più o meno tradizionalisti corrono il rischio di produrre più danni che benefici, per una lunga serie di ragioni. Una di queste è che molto spesso non hanno minimamente la coscienza di essere dilettanti. Sia chiaro, i dilettanti e gli amatori sono quello che muove il mondo, molto più dei professionisti; quello che però li rende veramente importanti è la …

Continua a leggere »

Forse qualcuno ha detto: alla sola costituzione renderai culto?

Il culto della costituzione morirà; non tanto perché sia sbagliato o perché la costituzione non sia necessaria, ma per il semplice fatto che è un culto. C’è un profondo nichilismo iconoclasta nell’uomo che lo spinge a rifiutare e abbattere ogni divinità e ogni illusione. È quel nichilismo su cui Ebraismo, Cristianesimo e Islam fondano la loro teologia elementare: non avrai altro dio all’infuori di me. Gli dei pagani che avevano orecchie e non udivano, occhi e non vedevano, piedi e non camminavano sono crollati ed un idolo che non ha neanche questi attributi è difficile abbia maggior fortuna. Il suo …

Continua a leggere »

L’eco della solidità

“You don’t have a soul, Doctor. You are a soul. You have a body, temporarily.” Walter M. Miller Junior. Credo che in molti si ritroveranno d’accordo con questa affermazione, a pelle. Nonostante l’autore ci sia sconosciuto esprime molto bene quello che la modernità, anche e soprattutto laica, pensa dell’uomo. Quello che conta di noi è la nostra mente, la nostra interiorità, il resto è solo il guscio vuoto in cui ci muoviamo; noi siamo un ghost in the shell, in fondo. La scienza e la fantascienza (come quella del manga appena citato) d’altra parte ci promettono da tempo di sopravvivere al nostro corpo o per lo …

Continua a leggere »