Home / Mauro Rutunno

Mauro Rutunno

Fonte de vita

  Stò fermo su la cima de ‘n monte e co’ lo sguardo abbraccio l’orizzonte seduto su ‘na roccia pensieroso guardo quello che c’ho davanti, meravijoso Poi ‘na voja che me pja all’improvviso me arzo, pjo fiato e scenno deciso pè arivà sur monte che stà da l’artra parte seguo la bussola dell’istinto, senza carte Comincio a scenne, ma è ‘na fatica a ogni passo attento, la strada è nemica è come si scennenno aumentasse er peso a ogni movimento me sento indifeso Vado avanti, so’ stanco ma fa lo stesso più scenno più faccio ‘n viaggio in me stesso …

Continua a leggere »

Er Novo Inferno

  Si Dante rinascesse ar giorno d’oggi ariempirebbe l’inferno de novi personaggi i politici vabbè, se sà li so de casa essenno tali nun c’hanno manco ‘na scusa. Ma ce ne so’ tanti tra quelli osannati da esse annoverati tra li dannati Conduttori che pè l’ascolti se so vennuti ar mijor offerente, che mejo l’ha pagati. Giornalisti parolieri asserviti schiavi de lo Stato e strapagati sempre pronti der padrone ha pjà le parti senza mai criticità scerte che poi so’ scarti. Cantanti che pè provà emozione fanno aringhe a la televisione senza manco conosce fatti e dati ma l’ego loro …

Continua a leggere »

Cesare e AntiCesare

  2000 anni fà ar tempo in cui è nato Cristo a Roma imperava ‘n certo Cesare Agusto lui che era potente e condannava er monno se credeva dio, ma puro lui è ito affonno.   Oggi più de ieri li Cesari so’ tanti vonno troni, palazzi e comannà tutti quanti, se senteno signori e guardano co’ disprezzo chi povero e misero nun po’ pagà er prezzo,   Nun po’ pagà misura e moneta alcuna perché c’avuto meno fortuna da ‘na vita che te succhia la linfa vitale in cui sei solo ‘n nummero, ‘n codice fiscale.   Avemo conquistato …

Continua a leggere »

La Bestia

  Ner tempo a ripreso vita la Bestia che sembrava sopita anche si a di er vero, e nun sbajo sto silenzio era solo ‘n abbajo Sempre a fianco a l’omo ner suo cammino sempre silente, ar tallone suo vicino poi d’improvviso ner monno se manifesta e l’omo, prigioniero suo, incatenato resta La schiavitù de omini africani diversità de ceti e caste fra l’umani lei mostruosa ne l’odio c’ha sguazzato a danno de l’essere umano schiacciato Se trasforma, ingannatrice incanta rivoluzionaria fraterna, eguale, de libertà se manta e pè renne nobili e plebei tutti uguali ma je tajò le capocce …

Continua a leggere »

Vorei esse…

Vorei esse capanna e riparatte, tra roccia e legna Vorei esse strada ‘n cammino che verso te vada Vorei esse stella Cometa ‘na coda da seguì lungo la vita Vorei esse mangiatoia co’ te adagiato sopra la paja Vorei esse, ma infonno nun sono senza de te manco so’ omo Sto qui co’ la speranza d’Amore de gestatte ner profonno der core In attesa spero che ‘n vagito sia Voce che sto rigazzino der monno sia luce e aspetto er momento der tuo arivo pè tornà a esse fjo e esse vivo NeoPasquino

Continua a leggere »

SI GUARDO INDIETRO

  Ner riassunto de stà vita c’è tutto, tristezza e gioia infinita si guardo indietro bene, me ce vedi i momenti in cui, forte, stavo in piedi Antri ‘ndo stavo sdraiato, quasi morto come ‘na barca dismessa drentro ar porto c’avevo sembianze d’omo ma nun vivevo c’avevo le gambe ma nun camminavo Li casini fatti so’ stati tanti risse, scontri e danni quanti er metro de misura era solo uno regolà li conti co’ l’artro sarvogn’uno Ho vissuto solitudine e dolore affaticato pè dimostrà de esse er mijore pè vive la vita de n’arto e no la mia pè sforzamme …

Continua a leggere »

Darwin s’è sbajato

Darwin s’è sbajato Solo teorie e idee varie evoluzione, solo de scorie in cerca de anello mancante der passo fatto da l’omo pensante Scavi, ossa, ricostruzioni dibattiti e parole ortre i confini ma la risposta è più chiara che mai sta sotto er naso e l’occhi tui L’omo da quanno è arivato solo de esse vivo ha cercato moltiplicannose ner monno cor culto de li morti ner profonno Ogni passo pè l’evoluzione ma qui appare la vera l’illusione da riscontri e prove provate quarcosa nun torna co’ le cose passate Trascorsi miaja e miaja de anni oggi l’omo fa solo …

Continua a leggere »

La Mantide

Ner prato vicino a casa mia ‘n mantide che era tanto pia insieme antre mantidi religiose pregava, guardannone le pose Lei se che sentiva pura e casta se mise a fa ‘na specie de rivista arzannose più in alto sur suo sito parlò a tutti puntannoje contro er dito E giù sproloqui su tutti e tutto sur modo de pregà né fa costrutto dicenno chi era sbajato e chi giusto e più parlava e più ce provava gusto Parlanno tanto però l’ego saliva parlava parlava e nun la smetteva ner discorso suo così s’era persa e tentava de ripjasse in …

Continua a leggere »

BEN TROVATI

Io me scuso co’ voi tutti de st’intrusione ma so’ der popolino, so’ romano bontempone come Rugantino, me rifacco a st’antenato, dico quer che penso ruganno spensierato Le canto ar cattolico politico de turno che vota contro Cristo pè suo mero ritorno ar sommo omino galante gran prelato che nun se impiccia, solo si nun è smascherato Ar cattolico osservante, tra li banchi anniscosto che punta er dito e accusa incollato ar suo posto ar popolo incosciente che se scorda der Signore e è sempre raggirato da chi je dice du’ parole Canto quanno posso, quanno me tocca er core, …

Continua a leggere »