Home / Angelo Mandorlo

Angelo Mandorlo

Caravaggio, Morte della Vergine, 1604

L’opera esce completamente dal rituale sacro comune per sprofondare in una visione di morte e dolore veramente umane e terrene, suscitando scandalo per questa insolita iconografia che fu rifiutata dai Carmelitani Scalzi. Nella grande ambientazione si vede una donna a gambe scoperte, gonfia e riversa, illuminata da una luce sinistra, attorniata da uomini dolenti e in lacrime. La macabra teatralità è accentuata da un grande telone rosso che adorna uno spoglio ambiente. Nulla di sacro è presente, persino il catino con l’aceto per lavare il cadavere è messo lì per rendere più vera la morte che non lascia presagire nessun …

Continua a leggere »

MADRE MARE

Tutti dobbiamo andare verso il mare aperto. Lasciare quest’isola di caldo, levare l’ancora. Le partenze non hanno parole speciali. “Ti ho preparato il pane, il miele, il vino. Una coperta. Scrivi, se puoi..” Cuore di marinaio, cuore di figlio, che ti cerca alla sera, sempre più bella, nell’apparire della stella polare Madre, mare. La differenza di queste due parole è nella presenza o assenza di una “d”. La madre è come archetipo l’acqua che nutre e dove il bambino per nove mesi galleggia. Non si può stare nell’acqua, nel mare tutta la vita, è necessario partire per lidi sconosciuti. Così …

Continua a leggere »

Madonna “Umilìenie”

Madonna “Umilìenie” (della Tenerezza di Vladimir) cioè “colei per cui ci si intenerisce” “Dimmi, dolce Maria, dagli occhi grandi, mare di tristezza, dove corre il tuo sguardo mentre il Figlio ti abbraccia e ti consola?” “La Sua parola venne sulle ali dell’Angelo dentro il mio cuore, nella mia carne come un uragano, come una ferita. Svuotandomi, riempendomi della Sua Presenza. La mia carne fiorita esulta nell’abbraccio del Figlio, ( Io Sposa, Madre, Figlia) e immobile foresta pietrificata respiro dentro il mio “Sì”. Sono grotta, dimora casa, spada della mia stessa carne., mare di dolore, rifugio, tenerezza, consolazione” “Vorrei, santa Maria, …

Continua a leggere »

LA CONOSCENZA È SPONSALE, altrimenti è informazione, notizia…

“ Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza” (Dante Inferno, XXVI, 119-120) “Nell’esperienza di un grande amore tutto il mondo si raccoglie nel rapporto Io-Tu, e tutto ciò che accade diventa un avvenimento nel suo ambito. L’elemento personale a cui in ultima analisi intende l’amore e che rappresenta ciò che di più alto c’è fra le realtà che il mondo abbraccia, penetra e determina ogni altra forma: spazio e paesaggio, pietre, alberi, animali” Romano Guardini – Essenza del Cristianesimo Le mie “illluminazioni”, anche poetiche, accadono sempre per dei fatti della realtà che aprono il …

Continua a leggere »

I GIRASOLI

I GIRASOLI Assetati di luce, i girasoli bevono alla fonte del sole. E le corolle, tutto si riveste di luce, risplende inebriato. I girasoli, immobili guardando al cuore della luce, crescono, invecchiano.. Ed alla sera a capo chino attendono il ritorno del sole. Così tu ed io che amiamo i girasoli, mendichiamo la luce, il primo raggio perché il cuore riscaldi e bruci la paura del buio, della notte. Così io e te che amiamo i girasoli c’inebriamo di luce. Le mie poesie nascono sempre da fatti, incontri, dalla realtà. “I girasoli” è nata dentro l’amicizia con la grande donna, …

Continua a leggere »

DONAMI LA PAROLA

“Occorre soffrire perché la verità non si cristallizzi in dottrina, ma nasca dalla carne. (Emmanuel Monier da Lettere sul dolore – Rizzoli, a cura di Davide Rondoni) “Ma io vi dico che di ogni parola inutile gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio” (Mt 12,36). DONAMI LA PAROLA Donami la Parola vera -Sei felice, come stai?- che mi apra lo scrigno del cuore ed io vi possa abitare, per custodirlo. Come i baci, le parole buone, frammenti di respiro, dell’anima, radicano la mia carne dentro la tua con il sigillo della conoscenza.

Continua a leggere »

CRISTIANI ANONIMI

“Cristiano è colui che attraverso il battesimo crede e confessa pubblicamente che Gesù è Figlio di Dio, nato da Maria Vergine; che ha patito sotto Ponzio Pilato, è morto crocifisso. Il terzo giorno è risuscitato, è salito al cielo e ritornerà di nuovo sulla terra per giudicare i vivi e i morti. Il cristiano è inserito nella grande famiglia della Chiesa, retta gerarchicamente dal successore di Pietro (il Papa) e degli apostoli (Vescovi). Il cristiano si impegna in ogni stato di vita a vivere i principi del Vangelo e i comandamenti della Chiesa” “Anonimo -dal greco ἀνώνυμος formato da ἀν- …

Continua a leggere »